Radio
Scegli Paese e lingua
Austria ()
Belgium ()
France ()
Germany ()
Italy ()
Liechtenstein (CHF)
Luxembourg ()
Portugal ()
Spain ()
Switzerland (CHF)
Close
Are you based in the US?

We have a new Carhartt WIP website for customers in the US and Canada. Now offering domestic shipping and returns. Check it out.

Scegli Paese e lingua
Austria ()
Belgium ()
France ()
Germany ()
Italy ()
Liechtenstein (CHF)
Luxembourg ()
Portugal ()
Spain ()
Switzerland (CHF)
Close
Are you based in the US?

We have a new Carhartt WIP website for customers in the US and Canada. Now offering domestic shipping and returns. Check it out.

Lanciato nel 1994 da Edwin Faeh, il marchio Carhartt Work In Progress (WIP) sviluppa le proprie collezioni traendo ispirazione dal classico abbigliamento da lavoro Carhartt. Il marchio combina riadattamenti autentici di resistenti archetipi americani entrando in contatto con le sottoculture che l’hanno fatto proprio. Questo scambio ha portato Carhartt WIP a posizionarsi in un nuovo contesto e a dare vita a nuovi classici originali.

Carhartt WIP ha aperto il primo negozio a Londra nel 1997 e oggi gestisce oltre 80 punti vendita fisici in tutto il mondo. Ha anche un proprio team di skater e una redazione musicale, oltre a sostenere una serie di artisti e a rilasciare varie pubblicazioni. Dal 2010, Carhartt WIP ha partecipato a diverse collaborazioni con marchi e creativi affini, tra cui A.P.C., Converse, Fragment Design, Junya Watanabe, Nike, Underground Resistance e Motown.

1855
Hamilton Carhartt nasce a Macedon Locks (New York).

1889
Con solo quattro macchine per cucire e cinque dipendenti, Hamilton Carhartt inizia a produrre tute da lavoro in tela olona e denim, nel rispetto delle condizioni sindacali.

1910
L’azienda Carhartt si amplia includendo due cotonifici in Georgia e Carolina del Sud, oltre ad alcune fabbriche a Detroit, Dallas e San Francisco.

1911
Carhartt Automobile Corporation realizza circa 300 “Pleasure Car” all’anno, all’insegna del motto “The last word in motor construction”.

1914
Durante la Prima Guerra Mondiale, Carhartt produce uniformi da operaio per l’esercito. Con un totale di 17 stabilimenti registrati, l’azienda di abbigliamento Carhartt raggiunge il culmine del proprio successo economico nei primi due decenni del XX secolo.

1923
L’iconico Carhartt CO1 Chore Coat viene pubblicizzato per la prima volta e diventa un capo chiave della collezione Carhartt.

1932
Carhartt apre un nuovo stabilimento a Irvine (Kentucky) e lancia la campagna “Back to the Land” per offrire migliori condizioni ai lavoratori, permettendo loro di lasciarsi alle spalle i bassifondi, lo sfruttamento e lo stress delle grandi città industriali, ora ricolme di disoccupati a causa della Grande depressione.

1937
Hamilton Carhartt perde la vita in un incidente stradale a Grosse Pointe (Michigan) all’età di 82 anni, lasciando l’azienda ai figli Hamilton Jr e Wylie.

1941
Con l’ingresso degli Stati Uniti nella Seconda Guerra Mondiale, l’intera economia statunitense registra una forte crescita grazie all’attività industriale mirata a sostenere lo sforzo bellico. I soldati, sul territorio nazionale come all’estero, hanno bisogno di abbigliamento durevole e resistente.

1966
La collezione primaverile include una linea di capi sportivi classici, giacche casual, jeans e camicie, tutti realizzati in tela, con nomi come “Huggers pants” e “Surfers”.

1989
Carhartt celebra il centesimo anniversario.

1989
Sotto il titolo “All American Concept”, Edwin Faeh inizia ad introdurre sul mercato europeo prodotti spiccatamente americani, come Carhartt.

1992
Carhartt diventa un marchio popolare tra i giovani, quando inizia a essere indossato da rapper, writer e ragazzi di strada, che ne apprezzano i materiali robusti e l’estetica funzionale.

1994
Edwin Faeh fonda Work in Progress (WIP) per distribuire in esclusiva Carhartt in Europa.

1995
“L’odio” di Mathieu Kassovitz diventa uno dei primi film ad includere Carhartt, in contemporanea con l’ascesa del marchio nelle scene musicali e culturali underground in tutta Europa.

1996
Work In Progress ottiene la licenza per produrre capi Carhartt al di fuori degli Stati Uniti; l’anno dopo esce la sua prima collezione.

1997
Carhartt WIP apre il primo negozio in Neal Street a Londra.

1997
Carhartt WIP lancia i suoi team di skate e BMX.

1999
Evan Hecox crea una serie di campagne pubblicitarie illustrate per il marchio: questo stile diventerà sinonimo delle campagne Carhartt WIP dell’epoca.

2000
Carhartt WIP presenta la prima collezione donna.

2000
Combination Records è fondata da Edwin Faeh, Oliver Drewes, e Philipp Maiburg come una piattaforma aperta dedicata alla nuova musica elettronica e legata a Carhartt WIP.

2003
Esce il primo numero di Rugged Magazine, una rivista firmata Carhartt WIP. Questo debutto sarà seguito da altri 19 numeri.

2007
Esce “Dirt Ollies: A Skateboard Trip to Mongolia” di Alexander Basile, Pontus Alv e Bertrand Trichet. (Pubblicato da Bildschöne Bücher e Carhartt WIP).

2008
Debutta Carhartt WIP Radio, una nuova piattaforma per presentare etichette discografiche e musicisti.

2010
Carhartt WIP inizia a lanciare capsule collection e progetti speciali in collaborazione con altri marchi affini. Negli anni, il marchio collaborerà con nomi del calibro di A.P.C., Converse, Fragment Design, Junya Watanabe, Nike, Patta, Vans, Vestax e Vetements.

2011
Carhartt WIP apre un negozio a New York, tornando così al punto di partenza delle sue origine americane.

2013
Carhartt WIP collabora con Antiz Skateboards.

2014
Carhartt WIP celebra il venticinquesimo anniversario.

2015
Esce il libro “From Dirt to Dust”, che rivisita la Mongolia a dieci anni dalla pubblicazione di “Dirt Ollies.”

2016
Esce il libro “The Carhartt WIP Archives”. Pubblicato da Rizzoli, rappresenta la prima volta in cui viene approfondito il mondo all’interno di Carhartt WIP. Intanto, il team di skater del marchio accoglie i suoi primi membri statunitensi e australiani.

2017
Carhartt WIP collabora con Isle Skateboards a un’esclusiva capsule collection e a “Paving Space”, un’installazione artistica skateabile di Raphaël Zarka. Il marchio si unisce inoltre a Better Cotton Initiative (BCI) e si impegna a procurarsi cotone più sostenibile anno dopo anno. In aggiunta, Carhartt WIP collabora con Underground Resistance, l’iconico collettivo techno di Detroit, e lancia WIP magazine, una nuova pubblicazione semestrale.

2018
Carhartt WIP collabora con il marchio di abbigliamento da skate russo РАССВЕТ e rende omaggio a Trojan Records, etichetta discografica britannica specializzata in reggae e dub, con una speciale capsule collection. Il marchio presenta inoltre Soul Skate, un documentario filmato al festival di Moodymann a Detroit. Intanto, Carhartt WIP Radio, celebra il suo decimo anniversario.

2019
Carhartt WIP apre il suo secondo negozio negli Stati Uniti, a Los Angeles. Il marchio include inoltre il cotone biologico nelle sue collezioni e collabora con il marchio australiano di skateboard PASS~PORT. Infine, Carhartt WIP crea due capsule collection collaborative per rendere omaggio alla storia di Motown e di Fela Kuti.

2020
Carhartt WIP continua ad ampliare la propria gamma di prodotti attraverso collaborazioni tuttora in corso con GORE-TEX INFINIUM e Converse. Il marchio collabora in oltre con Awake NYC, nonché Galleria Continua, lanciando una serie di prodotti, documentari di skate e pubblicazioni in occasione dell’apertura del nuovo skate park in cemento alla galleria di Boissy-le-Châtel, nei pressi di Parigi.

2021
Carhartt WIP apre un nuovo negozio a Parigi, nel quartiere St-Germain-Des-Prés. Viene lanciato il secondo volume di Relevant Parties, la serie di podcast del marchio. Inoltre, il marchio ingaggia l’artista Lucas Price per una serie di dipinti ad olio per la campagna autunnale e collabora con Civilist, negozio berlinese dedicato all’abbigliamento da skate, e L’Art de l’Automobile.